12 novembre 2017

Crostata rustica con confettura di more - SENZA lattosio SENZA zucchero SENZA uova




Ma dicevamo???? Nuova ricettuzza vero!?!?!? E allora eccomi, dopo tutto ve l' avevo promessa  e prima che il prossimo treno mi prenda e mi travolga in pieno, voglio godermi questi pochi giorni di calma apparente perché in realtà dovrei ancora finire una cosetta o due e dovrei anche darmi una mossa a dire il vero ^_^....ma oggi è Domenica e al gran caos che mi frulla in testa ci baderò domani. Dunque dunque...arrivata a novembre potrei tirare le somme di questo lungo e intenso anno lavorativo e francamente potrei pensare di essermi portata a casa tanta esperienza che mi ha arricchita ma forse anche plasmata in definitiva. 

Gli eventi condizionano il tuo modo di essere, possono attraversarti e confondersi tra i tuoi pensieri più intimi, possono passarti letteralmente sopra talvolta, possono entrare in casa tua e sistemarsi comodamente tra le tue abitudini (sconvolgendole), possono anche rubarti a tratti un po' della solita serenità per farti vacillare rendendoti meno presente per chi ti sta accanto.  

Questo blog mi ha dato tanto in questi quasi 5 anni e tutto ciò che sono riuscita a realizzare è davvero frutto di una vita semplice e consapevole, ma non sempre mi sono sentita dentro al pezzo e concentrata come avrei voluto, non sempre ho pensato che ci sarei riuscita...e parlo degli impegni che mi prendo a cuore e del lavoro che per fortuna è arrivato e spero arrivi ancora, insicurezze dettate dal fatto che alla fine tu sei una e devi per forza di cose fare il lavoro di tre o quattro persone insieme, mentre ovviamente intorno hai una vita che ti guarda  e che richiede le tue attenzioni...ma ad ogni modo non ho mai pensato di aver fatto scelte sbagliate, anche quando quegli eventi non erano esattamente in linea con me stessa, mi sono sempre rimboccata le maniche e affrontato tutto con la determinazione che certamente mi contraddistingue ^_^.....poi bastava la telefonata di un' amica (le solite due o tre), una mail letta al momento giusto e una ricetta riuscita alla grande, per farmi tornare in carreggiata e per convincermi che alla fine ricette e scatti sono il mio pane...sudato...ma sono il mio pane...tante briciole con la capacità di emozionarmi e di emozionare ad ogni ritorno ^_______^. Tra  le diverse esperienze che hanno arricchito questo blog un po' pane, un po' dolce e un po' al cioccolato, in questo 2017 posso felicemente includere la mia rubrica dolce su FiorFiore in cucina, della quale vado orgogliosa, che mi ha mesa in gioco pagina dopo pagina. La ricetta di oggi è stata proprio una delle tante proposte, passate per le pagine di questo mensile pratico, piacevole e sempre all' altezza delle aspettative. Ok dai...che poi alla fine mi perdo sempre in parole  e discorsi e il tempo per pubblicare la ricetta mi manca sempre. Alluraaaaa...crostata rusticotta, ruvida, poco dolce alla fine, ma quel tanto che piace a me...è la stessa base, frolla, pasta di base...insomma chiamatela come volete...dei Biscotti al miele e mandorle con i tanti SENZA, io l' adoro ed è una di quelle che rifaccio con più entusiasmo. Questa crostata è preparata senza lattosio, senza uova e anche senza zucchero quindi sarebbe una grave mancanza decidere di non prepararla almeno una volta a settimana....io quando mi cimento la lascio lì sul tavolo (che qui è quasi sempre apparecchiato per fare colazione......ahahahhhahahha...ma non chiedetemi altro dato che ultimamente mi sembra di essere accampata in una casa che sembra proprio una campo di battaglia)...insomma la sistemo  sotto una bella campana di vetro e all'occorrenza vai di coltello...un pezzettino qui, un pezzettino là e fettina dopo fettina alla fine sotto la campana di vetro resiste ben poco. QUINDI portatevi avanti per la colazione - merenda di domani (o dei giorni a venire) e fatemi sapere cosa ne pensate che qui di scambi di pensieri e di quattro chiacchiere ce n'è un vitale bisogno. 


Crostata rustica con confettura di more - SENZA lattosio SENZA zucchero SENZA uova

Ingredienti

(per una crostata da 24cm di diametro)

100g di amido di mais
30g di grano saraceno
50g di farina di riso
50g di farina di avena
110g di farina di farro integrale
160g di farina di mandorle
100g di Miele Millefiori
75g di olio di riso (o olio di semi di Girasole)
80ml di bevanda di soia
2g di lievito per dolci
1 limone non trattato (solo scorza)

350g di confettura di more senza zuccheri aggiunti

Procedimento

In un recipiente unite tutte le farine, compresa la farina di mandorle e il lievito. Formate una fontana e unire al centro il miele, la bevanda di soia, l' olio e la scorza del limone. Con l' aiuto di un cucchiaio di legno, amalgamate il tutto e successivamente passare su un piano di lavoro pulito per terminare la lavorazione dell' impasto; lavorarlo brevemente, giusto il tempo necessario per renderlo omogeneo, avvolgerlo nella pellicola per alimenti e lasciarlo riposare 20/30 minuti in frigorifero. Preriscaldate il forno a 170°C.  Su un piano di lavoro pulito e leggermente infarinato, stendere la pasta ad uno spessore di 4mm, e foderate uno stampo per crostate con fondo amovibile, facendo aderire bene i bordi, ritagliate la pasta in eccesso e formate sulla base uno strato uniforme di confettura di more; con la pasta rimasta formate tante strisce e decorate la crostata.  Infornate e cuocete per circa 40/45 minuti circa, fino a doratura.

NOTA: questa base per crostate è perfetta anche per confezionare dei biscotti. E' possibile rendere la ricetta vegana sostituendo il miele con dello sciroppo di riso, molto d' orzo, sciroppo d' agave o sciroppo d' acero (ovviamente in base a tali sostituzioni il grado di dolcezza subirà dei cambiamenti). La farina di mandorle può essere sostituita con qualsiasi frutto a guscio ridotto in polvere (noci, nocciole, pistacchi). Sconsiglio vivamente di lasciare la pasta in frigorifero a riposare per troppo tempo poichè non essendo una pasta frolla tradizionale (no burro, no uova), con il tempo tenderà a buttare fuori i grassi contenuti.





Share:

9 novembre 2017

Biscotti con farina di castagne e nocciole


Adesso scrivere di biscotti sarebbe anche opportuno, in una giornata grigia (ma forse non troppo), senza né capo e né coda e anche con un po' di giramenti di scatole in corso, mettermi a mischiare, impastare, formare, coppare e sgranocchiare...dai...diciamo che più che opportuno, sarebbe necessario...per me in primis! Allora volendo fare un breve resoconto della mia situazione attuale potrei dire che....il libro è andato e su questo non ci piove ed essendo io una abbastanza riservata, direi che è andato e sta andando alla grande ^_^...il resto del carrozzone lo sto ancora trainando ma man mano che procedo il peso si alleggerisce e questa è davvero "cosa buona e giusta"...poi per carità...qualcos'altro piomberà dal cielo nel momento meno opportuno e oserei dire #macchissene...tanto a "robe" pesanti io ci sono abituata ^_^...e poi chi m' ammazza a meeeeeeeeeee...anzi, ce ne fossero di incarichi massicci! Ad ogni modo adesso è arrivato il momento di tornare qui con una certa frequenza e riparto da un biscotto. Frolle, paste friabili, crostate e tutto ciò che gira intorno a questo mondo, esercita su di me una forte attrazione ma questo forse già lo sapete...adoro quel profumino di frolla che mi resta sulle mani e anche appiccicato ai vestiti...la cosa che più mi sa di casa è avere sempre a disposizione il solito barattolo di vetro dove andare a custodire i "nostri" biscotti fatti in casa pronti per la colazione di tutte le mattine. Vederli attraverso il vetro mi rende quasi orgogliosa perché non sempre la routine della vita frenetica che viviamo ci permette di regalarci tale privilegio. La raccomandazione che voglio farvi è quella di biscottare sempre....magari scegliete un giorno della settimana e regalatevi questa perla, sono certa che anche i nanetti di casa apprezzeranno tale attività ^______^. Dunque però i biscottini di oggi portano con se una nota particolare dovuta dalla presenza di farina di castagne...un profumo inebriante ma che comprendo possa portare a schieramenti abbastanza netti o almeno è quello che succede qui in casa mia. Facciamo una cosa allora...voi li provate e appena avete elementi sufficienti per valutare gli accostamenti di oggi (nocciole e castagne....mah....vedete un po' che succede eh ^_^) mi fate una visitina, ci facciamo due chiacchiere e sono certa che nel frattempo avrò già provveduto a preparare un' altra ricettuzza!!!


Biscotti con farina i castagne e nocciole


Ingredienti 

150g di farina Castagne
200g di farina tipo 1
175g di burro a pomata
100g di zucchero di canna
30g di miele Millefiori
1 uovo medio
1 tuorlo
100g di nocciole tostate e ridotte in polvere
1 pizzico di sale
1 baccello di vaniglia

zucchero di canna q.b.

Procedimento


Unite insieme le due farine e le nocciole tritate; lavorate nella ciotola della planetaria (o con l’ aiuto di fruste elettriche), il burro con lo zucchero e i semi del baccello di vaniglia fino a rendere il tutto cremoso e omogeneo. A questo punto unite l’ uovo e il tuorlo, uno alla volta e lavorate ancora in modo che il burro li assorba completamente. Unite il miele e il sale e poco dopo le farine con le nocciole in polvere, lavoro il meno possibile, giusto il tempo di amalgamare tutti gli ingredienti insieme. Passate su un piano di lavoro pulito e appiattite leggermente l’ impasto, avvolgetelo in della pellicola per alimenti e lasciatelo riposare in frigorifero per almeno due ore. Adesso, trascorso il tempo, sempre su un piano di lavoro pulito e leggermente infarinato, stendete la pasta frolla ad uno spessore di 4mm circa e con l’ aiuto di un coppa pasta ricavate i biscotti (dategli la forma che desiderate); adagiateli su una teglia rivestita con carta da forno, cospargeteli con lo zucchero di canna e lasciateli riposare in frigorifero per almeno mezz’ ora. Preriscaldate il forno a 170°C e una volta raggiunta la temperatura, infornate e cuocete per circa 10 minuti, fino a che i biscotti risulteranno dorati. Sfornate e lasciate raffreddare completamente prima di servire. Conservate i biscotti in una scatola di latta chiusa ermeticamente.







Share:
© PANEDOLCEALCIOCCOLATO | All rights reserved.
Blogger Template Crafted by pipdig