25 luglio 2016

Galette albicocche e mandorle


Lui è la prima cosa che posso notare se dopo una lunga giornata di lavoro, decido di prendere una boccata d' aria...io bevo il caffè e lo osservo. Lui se ne sta lì, che faccia caldo o freddo, che tiri vento o che piova; certe volte è spoglio, altre invece e talmente fiorito da sembrare un albero addobbato; mi fa compagnia sempre....ed è solo un gran piacere ammirarlo, in ogni circostanza. Fino a qualche settimana fa portava un grosso carico...peso che cominciava a farsi davvero troppo ingombrante. L' albicocco aggrappato a quel muro era talmente carico di frutti che lasciare andare in malora tanta bontà, mi è appariva come un peccato mortale. Ecco il perché di questa ricetta...una Gallette semplicissima, uno scrigno perfetto per accogliere qualsiasi tipo di frutto ma per ovvie ragioni per me oggi si andrà di albicocche. Acidine come piacciono a me, quasi pungenti direi se quindi non amate queste sfumature, potrete decidere di preparare una Gallette alle fragole, alle pesche, alle mele o alle pere non appena la stagione lo consentirà. 

Ciotola by Alice in Wonderland di Manuela Metra

Una Galette con brisè integrale all olio già l' avevo preparata, per la ricetta di oggi quindi (dove lei e lei sono state le mie muse ispiratrici), ho scelto di andare sul classico, ho utilizzato una farina 1 e dell' ottimo burro. Poi tanta frutta fresca di stagione manipolata brevemente per mantenere al suo interno tutto il buono possibile. 


Galette Albicocche e mandorle

Ingredienti


Per la pasta brisée

180g di farina tipo 1
80g di burro freddo di ottima qualità
1 pizzico di sale
3/4 cucchiai d' acqua fredda
1 cucchiaio di zucchero a velo

Per il ripieno

250g circa di albicocche pulite e tagliate a spicchi
1 cucchiaio di zucchero di canna
1 cucchiaio di miele di Acacia
confettura di albicocche q.b.


Per la finitura

1 tuorlo
zucchero di canna q.b.
mandorle in lamelle q.b.
20ml di latte


Procedimento

Per la pasta brisée

In una ciotola mescolare a mano la farina, il sale e lo zucchero; in un cutter poi, unire le polveri appena miscelate con il burro a pezzetti e con l' acqua fredda. Mixare  finchè l' impasto risulterà come sbriciolato (per non più di 40 secondi). Formare una palla lavorando brevemente la pasta su un piano di lavoro pulito; avvolgere nella pellicola e raffreddare l' impasto in frigorifero per almeno 30 minuti.

Note: la pasta brisée si può conservare anche in freezer per 1 mese al massimo, sarà necessario scongelarla in frigorifero la notte prima di utilizzarla.



Per il ripieno


Mescolare le albicocche pulite e tagliate a spicchi con lo zucchero e il miele; lasciarle riposare al fresco per una mezz' ora circa.


Assemblaggio

Scaldare il forno e 180°C; estrarre la pasta brisée dal frigorifero e lasciare a temperatura per qualche minuto; stenderla su un piano leggermente infarinato formando un disco, adagiarla sopra una placca rivestita con carta da forno; sulla base formare uno strato sottile con la confettura di albicocche e disporre le albicocche al centro lasciando un generoso bordo tutt' intorno. Ripiegare il bordo sul ripieno formando delle pieghe. Spennellare i bordi della Galette con il tuorlo d' uovo e cospargere con lo zucchero di canna e le lamelle di mandorle. Infornare e cuocere finchè la crosta risulta dorata e ben cotta (circa 30 minuti a seconda della grandezza). Sfornare e lasciare raffreddare su una gratella.






Share:

21 luglio 2016

Gelato al caffè d' orzo FACILISSIMO senza gelatiera


Questa è senza ombra di dubbio la ricetta più furbetta che io abbia mai presentato, se poi a farmela scovare è stata la regina delle FURBATE, il tutto diventa davvero un gioco da ragazzi. Un gelato fatto in casa che prevede  pochissimi ingredienti, spudoratamente facile  dove l' esecuzione non è da meno. Il caffè che ho usato è quello d' orzo naturale dell'esclusivo sistema Dorhouse a capsule monodose, il suo aroma dolce e vellutato si è sposato alla perfezione con la dolcezza di un gelato cremoso e golosissimo; ad ogni modo sarà possibile sostituire la stessa quantità riportata nella ricetta, con del caffè espresso normale o decaffeinato, anche tre cucchiaini di caffè solubile istantaneo saranno perfetti se usati in sostituzione dei 50ml utilizzati. Se deciderete di provare questo gelato fatto in casa facilissimo, non trascurate tali accortezze: ciotola e gancio freddissimi di freezer, panna (ad alto contenuto di grassi) e latte condensato freddi freddi freddi, magari messi in congelatore mezz' ora prima di utilizzarli e caffè freddo (di frigo) anche lui. Detto ciò non vi resta che pensarci su e decidere di realizzare o meno questa ricetta magari per la prossima cena tra amici prettamente estiva.

Ciotola by Alice in Wonderland di Manuela Metra


Gelato al caffè d' orzo

Ingredienti
(per 500g circa di gelato)

300ml di panna fresca (ad alto contenuto di grassi)
200g di latte condensato zuccherato freddo di frigorifero
35ml di caffè d' orzo freddo di frigorifero
2 cucchiai di liquore al caffè

Procedimento

Unire tutti gli ingredienti  nella ciotola della planetaria (precedentemente raffreddata in congelatore) e con la frusta a filo montare il composto fino a che risulterà gonfio e spumoso, di un colore chiaro. Versare il gelato in un contenitore adeguato, coprire con la pellicola per alimenti e lasciare in freezer per almeno tutta la notte prima di servire



Caffè Dorhouse: facebook  - instagram - twitter


Share:

8 luglio 2016

Insalata di ciliegie e spinaci


Sono ancora fermamente convinta che la vita sia meravigliosa se fatta di quelle piccole cose capaci di farci sentire leggeri...sono in pace con me stessa se tornando a casa posso ritrovare i miei amori, il mio mare, le mie foto, i miei giochi, la mia musica, la mia amica! Tutto scorre veloce, tutto intorno sembra pura pazzia, i problemi sembrano tanti e il credere di scappare (certe volte) sembra la sola medicina...forse non penso a me adesso ma questo pensiero voglio farlo mio...credo che nella vita la cosa fondamentale sia non perdersi, il cercare di restare attaccati, quasi cuciti insieme, è il vero segreto per sorridere con gli occhi a tutti...per tutti, una volta riusciti in questo, tutto il resto non può intaccare minimamente il proprio equilibrio. Quando esco di casa ancora la luce deve arrivare e scorgere tra le persiane socchiuse quelle ombre, quei suoni lievi, mi porta a fare il solito gioco, quello delle piccole cose capaci di farmi sentire leggera. Mi piace immaginare la vita all'interno...sbircio...ascolto non per invadere ma per apprezzare, osservo i panni stesi e li collego alle persone, osservo il colore delle tende per immaginare la personalità all' interno di quelle quattro mura. Qualcuno, quando ancora la luce deve arrivare, sta dormendo ma i respiri si sentono...qualcuno ha il televisore acceso e posso anche sentire l' odore di tabacco di quella sigaretta che non finisce mai, qualcuno ha già fatto colazione o qualcuno sta tornando a casa quando io corro al mio lavoro. Le mie piccole cose cominciano quando la luce deve ancora arrivare. Quella di adesso una ricetta piccola piccola ma che arriva da una cosa grande....dalla stima, dalla condivisione e dall' amore per il cibo che questa donna mi trasmette ogni volta...Laura, la moglie del testimone della sposa era troppo bella nei suoi colori, nei suoi pois!

Piatto in porcellana @giovelab - www.giovelab.it -  shop on line


Insalata di ciliegie e spinaci

Ingredienti 
(per 4 persone)

150g di spinacini freschi
 
250g di ciliegie
200g di feta
5 cucchiai di olio extravergine d’oliva
2 cucchiai di aceto di mele
1 cucchiaio di succo di limone
60g di mandorle in lamelle
12 foglie di basilico
la scorza grattugiata di un limone biologico
pepe nero

Procedimento

Marinare le ciliegie: denocciolarle, tagliarle a metà e tenerle da parte. Preparare la marinata con 3 cucchiai d’olio extravergine d’oliva, 1 cucchiaio di aceto di mele e 1 cucchiaio di succo di limone. Sbattere bene, poi mettere le ciliegie e lasciarle marinare da 30 minuti a 2 ore. Preparare la gremolata di mandorle e basilico: tostare le mandorle senza aggiungere grassi in un padellino antiaderente per qualche minuto. Agitare spesso la padella per evitare che le mandorle brucino. Quando saranno dorate, spegnere la fiamma e lasciar intiepidire. Riunirle in un tagliere con le foglie di basilico e la scorza del limone e tritare il tutto grossolanamente. Condire velocemente gli spinaci con 2 cucchiai di olio e 1 cucchiaio di aceto, poi disporla nei piatti. Sbriciolare con le mani la feta e distribuire anche questo. Distribuire le ciliegie marinate e irrorare con il loro succo. Completa con la gremolata di mandorle e basilico e del pepe macinato al momento.




Share:
© PANEDOLCEALCIOCCOLATO | All rights reserved.
Blogger Template Crafted by pipdig