26 gennaio 2013

Pane rustico ai semi senza impasto







Appena ho letto "senza impasto" ho pensato che dovevo subito provare.
Il risultato è stato superbo, il pane era buonissimo, forse uno dei migliori che abbia mai fatto; la crosta croccantissima e la mollica  umida  e molto morbida come piace a me. 
La ricetta l' ho scovata sul blog la spianatoia.
Un' altra cosa molto curiosa è che il pane andrà cotto nel forno ma dentro una pentola chiusa con il coperchio per quasi tutto il tempo di cottura; non so dire nello specifico il perché, ma la differenza che ho notato, rispetto ad una cottura tradizionale, è stata nella  consistenza della crosta esterna,  non avevo mai ottenuto un risultato così soddisfacente, il pane sembrava uscito da un forno a legna e credo che sperimenterò il metodo della pentola anche con altri impasti.

Adesso la ricetta.

Ingredienti

250g di lievito madre o 2g di lievito compresso
600g di farina 0
16g di olio extravergine
8g di miele
8g di sale
400g di acqua tiepida (mai calda)


Procedimento

Per prima cosa pesate l' acqua e scioglieteci il lievito, poi unite la farina, il miele, il sale e l' olio.
Mescolare con un cucchiaio in modo da amalgamare bene tutti gli ingredienti, coprite bene con pellicola alimentare, in modo da non far prendere aria all' impasto, e lasciare riposare fino al raddoppio del volume (io circa 2 ore).
Il risultato sarà di un' impasto piuttosto molle ma non preoccupatevi perché è così che dovrà essere.
A questo punto ho cosparso della carta da forno con abbondante semola, e molto delicatamente, ho rovesciato il composto ormai lievitato aiutandomi con un cucchiaio, mi raccomando, procedere lentamente in modo da non rompere la lievitazione .
Ripiegare i quattro angoli verso il centro e fare riposare,  per altri 15 minuti, coprendo bene.
Trascorso il tempo cospergere con semi vari di vostro gradimento e altra semola, riporre l' impasto con la carta da forno in una ciotola abbastanza capiente per contenere il pane lievitato e lasciare lievitare per 4-5 ore sempre coperto al riparo da correnti d' aria.
A lievitazione avvenuta, accendere il forno a 230-240°C ed inserire all' interno la pentola con il coperchio, io ne ho usata una rotonda ma potete decidere per una forma anche diversa; quando il forno sarà arrivato a temperatura, tirare fuori la pentola (fare attenzione perché sarà rovente), inserire all' interno il pane con la carta forno, coprire e cuocere, per 40 minuti con il coperchio, e per altri 20 minuti circa, senza.
A fine cottura toglietre il pane dalla pentola e fare riposare nel  forno spento ancora 10 minuti prima di tirarlo fuori in modo da rendere la crosta più croccante.

Nota

La carta da forno, nella ricetta che ho seguito, non era prevista ma ho voluto usarla in modo così  da tutelare e gestire meglio l' impasto lievitato, che diversamente avrebbe potuto rovinarsi nei vari spostamenti. 





Share:

3 commenti

  1. Ciao e complimentissimi per il blog...e seguo e spio in silenzio da tempo!
    Ho deciso di scriverti per farti due domande su questo pane (...sta iniziando una sorta di "fissa da pane fatto in casa"...preoccupante...iniziata dopo il pane in cassetta..ebbene si...).
    Quando scrivi "accendere il forno a 230-240°C ed inserire all'interno la pentola con il coperchio e quando il forno sarà arrivato a temperatura, tirare fuori la pentola" intendi dire che il forno non è quindi preriscaldato? La pentola la metto in forno appena acceso, giusto?
    E ancora "cuocere per 40 minuti con il coperchio e per altri 20 minuti senza": la pentola sarà quasi fredda a questo punto...vero?
    Grazieeee!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angela, allora accendi il forno alla temperatura indicata e metti la pentola con il coperchio all' interno del forno, lasci che arrivi a temperatura e facendo attenzione a non scottarti, inserisci il pane al suo interno coprendo con il coperchio…il pane deve cuocere dentro la pentola rovente e con il coperchio, passano 40 minuti poi apri il forno, togli il coperchio e lasci cuocere per altri 20 minuti, perché mi dici che la pentola è quasi fredda?

      Elimina
  2. ...ahhh ora ho capito! Nella mia testolina si era creata l'immagine della pentola fuori dal forno! Eh eheh eh...non avevo capito! Mmmhh...quindi mi serve una pentola che vada anche in forno o posso usarne una qualunque? Ne ho una antiaderente con fondo un pò spessino...ma va su fiamma, non credo in forno...
    Ti ringrazio!

    Felice giornata!

    RispondiElimina

Le vostre parole sempre gradite, essenziali per me.....mi scuso in anticipo se non sempre riuscirò a rispondere, leggo sempre tutti i messaggi con grande entusiasmo ed emozione e sono proprio questi piccoli gesti che mi danno la spinta a fare sempre meglio, immensamente grazie.

© PANEDOLCEALCIOCCOLATO | All rights reserved.
Blogger Template Crafted by pipdig